Condividi
  •  
  •  
  •  

Remoteworking, smartworking… coworking? Come è cambiato il vocabolario del lavoro? Per alcuni, già prima ma per quasi tutti dopo la Pandemia e il primo lockdown, il modo di vivere e pensare il lavoro è cambiato.

Nessuno avrebbe mai pensato che lavorare da casa potesse essere la regola generale, così come nessuno avrebbe mai pensato che molte aziende avrebbero optato per i coworking come sedi operative distaccate, per il reintegro dei propri dipendenti.

Insomma, l’ufficio come l’abbiamo sempre conosciuto, non appare più la regola e questo ha i suoi vantaggi.

La scelta del coworking appare in tempo di Covid, una valida alternativa al classico ufficio aziendale o anche allo stare a casa (cosa che a volte si traduce nello scappare in un bar per cambiare aria, quando i vari DPCM ce lo consentono!).

La pandemia ci ha sicuramente insegnato ad invertire i paradigmi, ed è per questo che ad oggi, tra i frequentatori dei coworking, ci sono i dipendenti di imprese consolidate, persino multinazionali che lo affiancano in maniera flessibile al remoteworking e allo smartworking.

Ma perché queste aziende stanno optando per i coworking?

Per la prima volta nella storia, le aziende si sono viste costrette a vedersi in modo diverso: la sede operativa dei propri dipendenti non è più l’azienda ma diventa la casa stessa del lavoratore. Questo, almeno in una prima fase, ha portato ad una “perdita del controllo” sui lavoratori, dall’altra ha portato quest’ultimo a lavorare senza orari, con riunioni e consegne ad orari impossibili. Lo spazio di lavoro e quello della vita privato si fondono, i confini tra l’uno e l’altro sono più sfumati. Questo sicuramente non fa bene: tutti abbiamo potuto constatare che non sempre le condizioni lavorative a casa sono ottimali o riescono a coincidere con la produttività che il lavoro richiede.

Per questo, dopo i lunghi mesi di remoteworking, confinati a casa a causa della pandemia, gli spazi di coworking possono rappresentare per le aziende ed i loro dipendenti, un momento di transizione:
un ambiente informale e stimolante, una community multidisciplinare e sempre pronta al confronto e alla crescita professionale, uno spazio di ispirazione e dinamico.

Inoltre molto spesso, gli spazi di coworking sono uffici bellissimi e ampi fatti per ospitare più persone e garantire la privacy di ognuno dei suoi membri (ed in questo periodo anche la sicurezza sanitaria dei propri membri).

Se le aziende più strutturate iniziano ad affacciarci da qualche mese ai coworking, i freelance e gli startupper ne rappresentano la linfa vitale: aperti e collaborativi, hanno bisogno di una community per fare networking e cercare nuove collaborazioni e opportunità.
Ma la scelta del coworking può anche essere più pratica: avere la possibilità di stabilire la propria sede legale o sede operativa, ospitare dei clienti in uno spazio riunioni dotato di ogni servizio tecnologico, flessibilità nelle tariffe.
Insomma, cose che lavorando da casa, sono più difficili da gestire.

Hai mai provato a lavorare in uno spazio di coworking?

Mettiti in contatto con lo staff di Impact Hub Bari e richiedi il tuo Hub Day gratuito! Saremo lieti di ospitarti e farti vivere una vera hub experience! Tutti coloro che prenoteranno un Hub Day gratuito, avranno accesso ad uno sconto del 50% sul primo mese della membership scelta.

Scrivi a info@hubbari.net

impacthubbari