Condividi
  • 42
  •  
  •  

ApuliaSoft: “Andiamo alla conquista dell’estero col nostro software agile!”

Il coworker Giuseppe Santoro, CEO della software house: “Siamo entusiasti dei risultati che la nostra startup ha raggiunto in Italia, adesso è il momento di internazionalizzarci”

 

Giuseppe Santoro

 

Intervista di Claudio Mundo

 

ApuliaSoft, digital roots. Giuseppe, quali sono le tue radici digitali?

Devo ammettere che la passione per il mondo del software ha tracciato la rotta del mio vissuto, sin da bambino. Ricordo, ad esempio, quando alle elementari feci di tutto per partecipare a un corso di MS-DOS, pur non avendo né l’età per accedervi né un computer mio: per potermi esercitare a casa, dovetti farmene prestare uno! Alle scuole medie presi maggior consapevolezza delle mie reali inclinazioni, facendo più volte da assistente in occasione di alcuni corsi Python. Da adolescente, poi, ho partecipato più volte alle olimpiadi internazionali di informatica, raggiungendo le fasi finali con la squadra studentesca che rappresentava l’Italia.

 

Dopo la laurea come hai fatto il tuo ingresso nel mondo del lavoro?

Va doverosamente premesso che durante il periodo universitario ho avuto il piacere e la fortuna di conoscere Nicola Sanitate e Francesco Pavone, oggi miei soci in ApuliaSoft, che hanno avuto un ruolo importantissimo nel mio percorso professionale. Dopo la laurea, per tutti e tre da una parte si apriva il percorso delle compagnie locali pugliesi, ma intuimmo presto che avremmo corso il rischio di restare intrappolati nell’utilizzo di strumenti e processi a nostro parere già obsoleti; l’alternativa era volare a Londra, per cercare fortuna oltremanica. Prevalse, infine, una terza ipotesi: imponemmo a noi stessi l’idea di creare ciò che non esisteva ancora, un’azienda con la nostra vision e la nostra mission: lo volevamo per noi stessi, per il nostro territorio, per le community cui facevamo riferimento.

 

apulia soft sito web

 

Parli dello sviluppo agile di software?

ApuliaSoft è da sempre sinonimo di tecnologie moderne e di un gruppo di lavoro i cui standard di professionalità sono estremamente elevati e facilmente riconoscibili. Il nostro team vive di una costante formazione forte e strutturata, fatta anche di vicinanza alle conferenze e agli eventi tematici, oltre che alle community. Siamo “nati Agili” e facciamo di questo un tratto essenziale della nostra identità e della nostra capacità di produrre software funzionanti e migliorabili nel minor tempo possibile all’insegna di una iterazione che sia “corta e misurabile”.

 

Innovazione ed etica del lavoro, due concetti cari ad ApuliaSoft.

Comunemente, si potrebbe essere portati a immaginare che l’industria del software sia un ecosistema consolidato. Al contrario, si tratta di un mondo in continuo sviluppo che evolve con un respiro semestrale. Parliamo di innovazione, e in particolar modo di innovazione sensata, quando si ha la capacità di essere al passo di questi rapidi cambiamenti da protagonisti, guidando ricerca e sviluppo dei processi migliorativi. La qualità della vita dei programmatori è un aspetto su cui Apuliasoft pone grande attenzione. L’equazione, d’altronde, è di tipo semplice: più il team è felice, migliore sarà la qualità del software prodotto. Importanti, in tal senso, sono seminari e retrospettive per il raggiungimento di uno stato di benessere, condizione per la quale siamo spesso pronti a riconcepire gli obiettivi del nostro business model.

 

Cosa state “programmando” per il futuro?

Dal 2013 raddoppiamo la nostra crescita annuale realizzando software su misura, fornendo consulenze ad altre house per il completamento di processi di programmazione e prestando attività di formazione a favore delle popolazioni di dipendenti d’azienda. Oggi vogliamo internazionalizzarci: tramite programmi di scambio mensili, ospiteremo programmatori e invieremo i nostri all’estero, dove avranno l’onore e l’onere di sondare le possibilità di penetrazione in quei mercati. In ultimo, intendiamo dare inizio a corsi di formazione aperti a tutti.

 

Impact Hub Bari, un coworking che si fa casa?

ApuliaSoft ha sede ad Impact Hub sin dal 2013. Qui, io, Francesco e Nicola da programmatori siamo diventati imprenditori, con la possibilità di una crescita personale e professionale sempre sfidante e mai noiosa. Impact Hub Bari è un concreto luogo di innovazione, in cui tradurre in pratica i concetti di community e network, e dove è possibile avere una vita professionale più dinamica e felice.

 

Giuseppe Santoro sarà protagonista del Talk: “Time Management” il 18 aprile alle ore 18.30, un talk dedicato alla gestione e alla qualità del tempo. Vuoi partecipare ma non ne hai il tempo? Questo talk fa per te! Registrati subito a questo cliccando qui.

 talk Time Management

 

 

 

 

Vuoi scoprire come funziona Impact Hub e diventare coworker? Scrivici a info@hubbari.net o compila il modulo sottostante!

Informazioni sulle Membership

  • Nome e Cognome
  • La tua Email
  • A quale Membership sei interessato?
  • Hai bisogno di altre informazioni?
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Impact Hub Bari