Condividi
  •  
  •  
  •  

Members Stories: Uptimization e la digitalizzazione d’impresa

Oggi conosciamo meglio UPtimization, una società nata dall’iniziativa di 4 professionisti del web che hanno scelto Impact Hub per far nascere e crescere il loro progetto aziendale. Facciamo quindi due chiacchiere con uno dei co-founder, Giovanni D’Alessandro.

 

Ciao Giovanni, raccontaci di UPtimization…

Ciao e grazie per questo spazio innanzitutto. La mission aziendale di UPtimization è la digitalizzazione d’impresa, un processo che se a prima vista potrebbe sembrare complesso, in realtà non lo è affatto. Per ogni attività di business di stampo tradizionale c’è una formula specifica, che permette di creare una presenza digitale efficace che porta risultati tangibili.

Partiamo dall’ascolto del cliente, analizziamo la situazione di partenza, poniamo il focus sulle esigenze e gli obiettivi primari, creiamo una strategia proponendo a seconda dei casi i diversi strumenti di marketing online e offline: SEO e SEM, Email Marketing, Copywriting e Social Media, Affiliazioni, Campagne di PayPerClick, Retargeting, Branding aziendale e Pubblicità su media tradizionali.

 

Quali sono le “radici” ed il background di UPtimization?

Il team è composto dai 4 soci fondatori (Andrea Durano, Donatella Pastore, Cassandra Menga, Giovanni D’Alessandro, n.d.r.) e diversi collaboratori esterni. Siamo tutti e quattro pugliesi, ma ognuno di noi al termine degli studi universitari, ha puntato molto sull’esperienza lavorativa all’estero e la scelta è ricaduta su Londra. Ci siamo conosciuti proprio nella capitale inglese,  per cui possiamo dire che il destino ha avuto una componente fondamentale se oggi ci ritroviamo qui.

Cementare un’amicizia forte, fatta di valori comuni, è stato il primo passo. L’esperienza lavorativa londinese è stata per tutti ricca di soddisfazioni e crescita tanto professionale quanto personale. Ad un certo punto però è emersa una consapevolezza forte dentro di noi, quella di voler tornare nella nostra terra e mettere al servizio delle aziende locali il know how acquisito all’estero. Noi crediamo fortemente che il sistema Italia debba cambiare e che debba farlo adesso, la Puglia in particolare, grazie alle sue eccellenze e al suo fascino unico.

 

Quali le differenze fra il mercato online italiano e quello inglese?

La differenza in termini quantitativi e qualitativi è, purtroppo, notevole. Il Regno Unito è la vera patria dell’e-commerce e del business online. L’e-commerce in particolare ha permesso a migliaia di aziende inglesi, di superare la difficilissima fase depressiva creatasi nel 2009, il cosiddetto “credit crunch”. Gran parte del merito va sicuramente all’intuizione delle aziende che hanno incominciato a investire fortemente sul web, creando le condizioni per un nuovo standard qualitativo di siti web e servizi online. La naturale conseguenza è stata la sempre maggior fiducia delle persone nell’effettuare acquisti in rete. Discorso diverso per l’Italia, che sconta un ritardo sostanzioso dovuto ad una concatenazione di cause diverse.

 

Quindi non c’è speranza per le aziende italiane?

Tutt’altro. La grave situazione economica che viviamo ormai da anni, rende necessaria una svolta che può trarre spunto e applicazione dall’esperienza anglosassone. Colmare il cosiddetto digital divide è, in particolar modo per le PMI italiane, la chiave per il rilancio di business tradizionali che, attraverso il processo di digitalizzazione, possono oggi adeguare i loro principi di funzionamento alle esigenze attuali del mercato.

Attualmente, circa il 5% delle PMI ha un sito internet e nella maggior parte dei casi questa presenza online è obsoleta e del tutto inadeguata per gli obiettivi aziendali. Vediamo il lato positivo però, c’è tanto da fare e naturalmente si può solo migliorare!

 

Perché avete scelto Impact Hub Bari?

In molti ci hanno chiesto perché abbiamo preferito Hub ad un tradizionale ufficio. Forse non è stata neanche una vera e propria scelta, dato che dal primo giorno in cui abbiamo messo piede in questa realtà tutto ci è parso in linea con il nostro modo di essere e con la nostra esigenza di conoscere persone che hanno valori a noi comuni. Un luogo dove interagire innanzitutto.

Condividere uno spazio di lavoro e non solo, creare una nuova rete di relazioni e conoscenze, migliorarsi giorno dopo giorno attraverso lo scambio e il confronto: sono tutti elementi che spesso si fatica a trovare nel nostro Paese, soprattutto in ambito professionale. I mesi finora trascorsi in Hub non possono che riconfermare le impressioni avute il primo giorno. Siamo quindi certi di aver fatto una scelta che ci darà nuova linfa ogni mattina.